Ecologia

Il Tonno e la sua estinzione.

02 Giugno 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

TonnoUna ricerca pubblicata di recente sul Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) ha confermato che le popolazioni di tonno, sono quasi tutte in calo e quindi in pericolo . Come molti sanno, il Tonno rosso è presente nella lista rossa IUCN (animali in via d'estinzione) e addirittura in alcune zone del pianeta come in Brasile non si avvistano più esemplari da almeno 20 anni. A Carloforte la situazione non è certo delle migliori infatti i tonni pescati negli ultimi anni sono di piccole dimensioni, cosa che farebbe accapponare la pelle a qualsiasi vecchio tonnarotto e nonostante ciò con l'avallo di leggi ad hoc e dei politici non solo locali (Gabriella Carlucci gli scorsi anni ha fatto la sua passerella durante il Girotonno) , si continua a pescare e a osannare quello che è a tutti gli effetti lo sterminio della specie.

Il Tonno e la sua estinzione. - 4.5 out of 5 based on 4 votes

Manifestazione di protesta per i macachi all'Università di Modena

22 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

MacachiPubblichiamo le informazioni relative a questo evento che abbiamo trovato sulla pagina facebook dell evento stesso. (Link in fondo all'articolo)

Presso lo stabulario dell'Università di Modena alcuni macachi sono detenuti dopo avere per lungo tempo subito degli esperimenti cruenti e invasivi sul cervello. Adesso rischiano la soppressione perché l'Università non sa più cosa farne. Ci riuniamo per chiedere al Rettore dell'Università di cedere i macachi a un centro di recupero che li possa ospitare e garantire loro una qualità di vita dignitosa nel tempo che resta loro da vivere.

Ho deciso di organizzare questa manifestazione informale di liberi cittadini che perseguono un comune ideale di rispetto della Vita in ogni sua manifestazione, al di fuori di associazioni, loghi, etichette e bandiere, ma per un valore che va al di sopra di tutto il resto. Ci si incontra direttamente davanti allo stabulario; la scelta del sabato, anche se purtroppo l'Università è chiusa, è per agevolare chi lavora infrasettimanalmente. L'orario di inizio (ore 15.00) non è vincolante, ognuno è libero di partecipare per il tempo che gli è possibile. Si possono portare striscioni e cartelli per dare maggiore visibilità alla manifestazione. 

Il supermercato del futuro? A Berlino, provano a farlo oggi.

12 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Niente confezioni e pacchi di plastica, ingombranti e difficili da smaltire, niente sprechi, nessuna concessione al marketing.

A Berlino, due giovani imprenditrici stanno cercando i finanziamenti necessari per aprire il primo supermercato che ha scelto di dire "no" al packaging.

Sugli scaffali di Original Unverpackt, questo il nome del negozio che verrà, 600 prodotti (accuratamente selezionati) saranno venduti esclusivamente sfusi, senza confezioni vistose e inquinanti, con un occhio di riguardo per i prodotti vegani.

Dalla marmellata alla farina, dal sapone liquido alle caramelle, tutto si potrà comprare al grammo, all'etto, o al chilo. Per acquistare i prodotti, i clienti potranno servirsi delle confezioni che già utilizzano nella vita quotidiana, oppure degli appositi contenitori riutilizzabili messi a disposizione dal supermercato.
original unverpackt

 

Il supermercato del futuro? A Berlino, provano a farlo oggi. - 5.0 out of 5 based on 5 votes

"Eden" tossico per le api: pesticidi nelle piante ornamentali

05 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Eden TossicoIl 79 per cento delle piante ornamentali analizzate sono risultate contaminate da pesticidi killer delle api. Alcuni campioni addirittura da sostanze illegali in Europa. Questi i risultati di un nuovo rapporto di Greenpeace International "Eden tossico: i loro veleni nel tuo giardino", che evidenzia l'ampio uso di pesticidi dannosi per le api nel settore della florovivaistica. Le piante analizzate sono state acquistate in negozi di giardinaggio, supermercati e centri del fai da te in dieci Paesi europei per un totale di oltre 35 varietà di piante molto diffuse come viola, campanula e lavanda, note per attirare le api.

Marche: ancora Bombe d’acqua, troppi lutti, poche azioni

05 Maggio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Bombe AcquaSono davvero addolorato ed arrabbiato. Ancora una volta una bomba d'acqua ed ancora lutti.
Stavolta nelle Marche, altra regione fragile di questo nostro Paese, dove la gran parte del territorio è a rischio idrogeologico.
Eppure, mi duole ripeterlo, nel settembre 2007 alla conferenza nazionale sui cambiamenti climatici predisponemmo un elenco di cose da fare per il piano di adattamento a questo clima già cambiato. I validi tecnici che avevano collaborato alla preparazione della conferenza avevano messo in guardia sull'aumento dei fenomeni climatici estremi, usando proprio questo termine: "bombe d'acqua", che pochi conoscevano. Infatti, ignoranti e malfattori ci derisero, anzi strumentalizzarono alcuni dati per nascondere i temi veri e infangare la credibilità della conferenza.

L' "affaruni" delle bonifiche

30 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sicilia Tossica2L'Europa e la sua discarica di rifiuti tossici nel Terzo Mondo italiano. Sicilia: il "sistema", gli intrighi internazionali, il genocidio delle popolazioni autoctone, l'affaruni delle bonifiche.

(segue a "Sicilia, come trasformare una regione in discarica di rifiuti tossici europei", pubblicato in data 4 Aprile)

di Pietro Villari
archeologo e naturalista

Lo smaltimento dei rifiuti di natura altamente inquinante costituisce una questione complessa e di assillante cadenza periodica comune a tutti i Paesi industrializzati, notoriamente in gran parte risolto spostandolo in un altrove geografico con prepotenza e arroganza, tramite lo stoccaggio illegale perpetuato da decenni in Paesi privi di difese, ove la classe dirigente è stata scelta tra i personaggi più corrotti: il cosiddetto Terzo Mondo.

 

L' "affaruni" delle bonifiche - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Salvi 130 orsi: la fattoria della bile diventa una riserva

18 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Dopo aver passato la loro vita in gabbia, con un catetere arrugginito infilato nella cistifellea, 130 orsi di una fattoria della bile cinese verranno affidati alle cure di Animals Asia, l'organizzazione internazionale dedita alla tutela dei diritti animali nel continente asiatico, che convertirà questa struttura della provincia cinese di Nanning in una riserva naturale nel giro di due anni.
Orsi

Salvi 130 orsi: la fattoria della bile diventa una riserva - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Estrarre l'acqua dall'aria!

12 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

 

In alcune parti d'Etiopia , trovare acqua potabile è un viaggio di sei ore.

La gente della regione spende 40 miliardi ore all'anno cercando di trovare e raccogliere l'acqua, secondo il gruppo Water Project . E anche quando la trovano , l'acqua spesso non è sicura, raccolta da stagni o laghi brulicanti di batteri infettivi , contaminati da rifiuti di origine animale o da altre sostanze nocive.
Warka

 

Estrarre l'acqua dall'aria! - 3.8 out of 5 based on 4 votes

Voltafaccia della Commissione Europea: Via gli incentivi alle rinnovabili, rimangono quelli alle fossili!

12 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Consoli fossiliEra nell'aria, e ... zac! è successo.

La Commissaria Europea al Clima Connie Hedegaard me l'aveva quasi detto quando è venuta a Roma a febbraio scorso, e infatti da quell'incontro uscii abbastanza perplesso tanto che scrissi questo post (che alla luce di quello che è successo oggi assume un nuovo significato)

http://www.angeloconsoli.blogspot.it/2014/02/il-clima-sul-clima-e-cambiato-ritornare.html)

"Contrordine compagni! Su energia, clima e ambiente abbiamo scherzato per otto anni, adesso la ricreazione è finita e si ritorna a un sano realismo fossile. Fra un po' anche nucleare, tranquilli! Così i gruppi finanziari che fanno soldi sulla nostra pelle e sulla nostra salute saranno contenti!"

 

Sicilia, come trasformare una regione in discarica di rifiuti tossici europei.

04 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

 

Sicilia Tossica2Per trent'anni, grazie al ben foraggiato e selezionato allevamento regionale di burocrati corrotti e imprenditori conniventi, il sottosuolo dell'Isola è stato imbottito di rifiuti tossici, anche nucleari. Paventando una immane catastrofe ambientale da disinnescare, adesso arriva puntuale la manna delle improrogabili costose bonifiche... Ma in alcune aree l'impennata dei decessi dovuti ai tumori è già un bollettino di guerra. Pericolosamente a rischio il futuro delle filiere trainanti dell'economia regionale: turismo, agricoltura e allevamento.

di Pietro Villari (archeologo e naturalista)

 

Sicilia, come trasformare una regione in discarica di rifiuti tossici europei. - 4.8 out of 5 based on 5 votes

No OGM: il 5 aprile con una task force di 39 associazioni manifestazioni in tutta Italia

03 Aprile 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Task force contro OGM: sono 39 le associazioni che il prossimo 5 aprile manifesteranno in Italia contro il far west sugli organismi geneticamente modificati.
Manifestazione no ogm

Ma quanto consuma una lavatrice? Tanto. Ecco come si può risparmiare

31 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

lavatriceAvete mai fatto caso a quanto gira velocemente il disco del contatore quando la lavatrice è in funzione? Già; perché si tratta di un elettrodomestico che può essere molto "energivoro". Ma basta mettere in atto qualche semplice accorgimento ed ecco che il risparmio diventa realtà.

Se vogliamo risparmiare un po' di energia, quindi soldi e ridurre l'inquinamento provocato dalla produzione di energia elettrica attraverso le fonti fossili, abbiamo alcune possibili soluzioni di facile applicazione.

Ma quanto consuma una lavatrice? Tanto. Ecco come si può risparmiare - 4.5 out of 5 based on 2 votes

Bloccato il mais transgenico da un tribunale in Brasile

24 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

BrasileNOogmUna decisione che apre nuovi paradigmi in materia giuridica e potrà servire a far riconsiderare tutte le altre delibere commerciali che regolano gli OGM in Brasile, dal momento che in nessun caso si è mai valutato il rischio per i bioma su tutto il territorio nazionale.
Lo scorso Giovedì 13 marzo, i giudici della Corte Federale d'Appello – TRF4 – hanno deciso all'unanimità di annullare la decisione della Commissione Tecnica per la Sicurezza Nazionale – CTN-Bio – sulla autorizzazione all'uso del mais transgenico Liberty Link, della multinazionale Bayer. La decisione è stata presa sulla base della mancanza di studi di valutazione dei rischi da OGM.

Bloccato il mais transgenico da un tribunale in Brasile - 3.0 out of 5 based on 2 votes

L'ecosistema rinato grazie ai lupi!

22 Marzo 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Il lupo è un animale temuto, quasi estinto da noi, anche perchè i pastori vogliono a tutti i costi proteggere i loro animali. Ma la loro importanza negli ecosistemi è enorme. Un impatto di ordini di grandezza superiore a quello che comunemente si pensa.

In questo breve video si mostra l'impatto che ha avuto la reintroduzione dei lupi nella riserva naturale di Yellowstone (Stati Uniti), da dove erano stati eliminati più di settant'anni fa.

Il cambiamento positivo generato dai lupi in meno di vent'anni vi lascierà di stucco.

Buona visione!

L'ecosistema rinato grazie ai lupi! - 5.0 out of 5 based on 1 vote

L'ecosistema rinato grazie ai lupi!

22 Marzo 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Lupi YellowstoneIl lupo è un'animale temuto, quasi estinto da noi, anche perchè i pastori vogliono a tutti i costi proteggere i loro animali. Ma la loro importanza negli ecosistemi è enorme. Un impatto di ordini di grandezza superiore a quello che comunemente si pensa.

In questo breve video si mostra l'impatto che ha avuto la reintroduzione dei lupi nella riserva naturale di Yellowstone (Stati Uniti), da dove erano stati eliminati più di settant'anni fa.

Il cambiamento positivo generato dai lupi in meno di vent'anni vi lascierà di stucco.

Buona visione!

L'ecosistema rinato grazie ai lupi! - 4.0 out of 5 based on 7 votes

L’uomo dei cirmoli

21 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

cirmoliL'impresa folle (?) di Augusto Girardelli, "l'uomo che piantava alberi" italiano.

"Le montagne sono tutte belle, ma la più bella è dove si nasce e dove si vive" diceva Augusto Girardelli, pioniere del turismo sul Monte Baldo, un uomo che ha affrontato sempre la vita con energica baldanza, a volte forse con un pizzico di incoscienza, però sempre sorretto dalla forza di una grande famiglia alle spalle. A 82 anni suonati ha un fisico asciutto che sprigiona ancora energia.

Sempre in guardia

20 Marzo 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR FrackingBello, no? Chi non vorrebbe aprire il rubinetto per farsi una bella bevuta rinfrescante di triclorobenzene ed altri simpatici additivi cancerogeni?

Tu no, dici?

Ah.

Allora il fracking non fa per te.

Cos'è il fracking? E' una tecnica per estrarre petrolio e gas, che consiste nel pompare miliardi di litri di acqua contenente più di cinquecento additivi chimici (rigorosamente nocivi e inquinanti) in profondità, per spaccare lo strato roccioso in cui sono intrappolati gas e/o petrolio, facendo così in modo che possano salire verso la superficie.

Una cosa pulita che più pulita non si può. Talmente pulita che le popolazioni dei luoghi dove utilizzano questa tecnica, soprattutto negli Stati Uniti, godono addirittura di vantaggi come quelli che si vedono nella foto. Pensa: nessun bisogno di diavolina per accendere il barbecue...basta usare l'acqua del rubinetto!

Beh, certo, non è potabile, non puoi neanche farci la doccia... ed è meglio che non provi a lavarci i vestiti.

Ma niente diavolina!

Ah, vuoi sapere che fine fanno i miliardi di litri d'acqua pompati in profondità? Se ne recupera circa la metà. Ma non è acqua: è liquame altamente tossico. Le compagnie di estrazione la chiamano acqua "processata", ma non è così: se le facessero un processo vero, prenderebbe 10 ergastoli consecutivi. L'altra metà del liquame rimane sottoterra, a mescolarsi con quello che trova. Beh, lontano dagli occhi, lontano dal cuore, no?

Sempre in guardia - 4.0 out of 5 based on 4 votes

L'eolico con l'imbuto

18 Marzo 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

SheerwindL'idea è incanalare il vento, aumentandone la velocità, in modo da poter usare turbine più piccole. Un sistema di minore costo e impatto visivo, che può sfruttare siti meno ventosi e non rappresenta un rischio per gli uccelli migratori.

Non è detto che le pale eoliche debbano essere sempre più alte e più grandi; potrebbero anche essere un po' più piccole se l'aria si potesse muovere abbastanza in fretta (1).
Come è possibile accelerare il vento? Lo si può fare se lo si incanala in un imbuto, sfruttando il classico effetto Venturi: minore la sezione di una condotta, più rapido il flusso dell'aria per cercare di conservare la portata (2). Potemmo quindi definirlo un "eolico a concentrazione".