Alimentazione

Perchè le "patatine" di McDonald's non si decompongono?

04 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

CIR decompongonoChi di voi non ha mai mangiato almeno una volta nella vita le patatine fritte di McDonald’s? Ebbene eccovi un esperimento dal risultato incredibile: le patatine della famosa catena di ristoranti sembrano non decomporsi mai! Chi ha effettuato l’esperimento è Morgan Spurlock, il regista e attore del documentario “Super Size Me”, un film denuncia su quanto fa male il cibo di McDonald’s. Come fanno le patatine fritte a rimanere intatte per mesi? Merito di qualche additivo miracoloso? Sta di fatto che questo esperimento fa comprendere l’innaturalità del cibo proveniente da McDonald’s e di conseguenza avverte il consumatore sul possibile pericolo che va in contro nutrendosi con il famoso cibo spazzatura. 

Perchè le "patatine" di McDonald's non si decompongono? - 4.2 out of 5 based on 6 votes

Sant'Obama legalizza l'assenza di controlli sugli OGM

29 Marzo 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

CIR San MonsantoMentre gli statunitensi erano distratti dal dibattito sul diritto al matrimonio gay, e con una mossa scorretta probabilmente appresa dai parlamentari italiani, il santo Nobel per la pace continua allegramente il suo ruolo di specchietto per le allodole. Stavolta ha firmato un decreto salva Monsanto, una specie di libera-tutti per gli OGM, per imbavaglire il crescente movimento anti OGM-americano. Ma non solo, di fatto il decreto pone Monsanto e altri produttori OGM al di sopra della legge, in quanto non potranno essere citati in giudizio. E lo ha fatto infilandolo in mezzo ad una legge necessaria per sbloccare i fondi per i pagamenti alle imprese creditrici. All'insaputa degli stessi deputati, che non sapevano della normativa aggiunta all'ultimo momento. 

Insomma, una porcata degna dei nostri politici. D'altronde è molto, molto tempo ce sappiamo quanto Obama non sia affatto meglio di Bush, ma solo un migliore affabulatore. Il Nobel preventivo era un segnale chiarissimo, una specie di licenza di uccidere. Sempre sorridendo. (E.C.)

 

Additivi alimentari ed iperattività nei bambini

06 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

ADHDLa sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), che colpisce sempre più bambini, è correlata ad alcuni additivi alimentari, particolarmente utilizzati nei podotti destinati ai bambini. E' quindi consigliabile la riduzione o l'eliminazione di tali sostanze dalla dieta dei bimbi.

A questo proposito, diffondiamo un articolo di Marianna Gentile, del Dipartimento Clinico e Sperimentale di Medicina e Farmacologia dell'Università di Messina.

 

Additivi alimentari ed iperattività nei bambini - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Quali cibi per nutrirci veramente bene ?

06 Marzo 2013 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

cibobuonoGli esseri presenti sul nostro bellissimo pianeta sono di tanti tipi… minerali, piante, animali e esseri umani. Poi ce ne sono tanti altri su altri piani e dimensioni, che non vediamo… Ma sono intensamente operosi su piani invisibili, come quello della vita e quello psichico. Il primo antiche tradizioni di profonda saggezza lo chiamano “eterico”, ed il secondo “astrale”.

Ogni essere sulla Terra ha un diverso grado di evoluzione e questo corrisponde a gradi crescenti di creatività. Gli esseri umani, in più rispetto agli altri, si sono evoluti fino a produrre un qualcosa di unico: pensieri. Pensieri? Proprio così.. pensavate che producevamo merci, arte, beni di ogni tipo, ecc. ? Cosa c’entrano i pensieri? In realtà noi produciamo tutte queste cose materiali, anche sofisticate…. Proprio perché prima ci abbiamo pensato. Perché sono frutto di pensieri. E gli altri esseri visibili sulla Terra ancora non sono arrivati a poter creare questo particolare genere di prodotto.

E’ vero che anche gli animali, le piante e persino i minerali, producono effetti e cose intelligentissime ed estremamente sagge. Ma lo fanno seguendo delle leggi, delle guide ( come l’istinto) che gli arrivano da fuori, che non sono frutto di una loro elaborazione. Qualche saggio avrebbe ragione a dire che “vengono dalle loro guide spirituali”. Le guide dei vari gruppi di esseri.

Il pensieri invece noi, come esseri umani, li usiamo in proprio. E da millenni li stiamo elaborando in vari modi. Sbagliando in tanti casi… e correggendo gli errori.

Quali cibi per nutrirci veramente bene ? - 4.1 out of 5 based on 20 votes

Sindrome della permeabilità intestinale, celiachia, sensibilità al glutine, spettro autistico, micotossine e tolleranza immunologica

20 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

CIR micotossineA cura del dottor Maurizio Proietti - www.maurizioproietti.it

Diverse patologie umane partono da un intestino poco efficiente. Ma cosa rende inefficiente l'intestino? Bisogna rivalutare i rapporti tra cibo e salute. Tre milioni di italiani e venti milioni di statunitensi soffrono di sensibilità al glutine, sindrome simile ma allo stesso tempo diversa dalla celiachia. Dalla sensibilità al glutine scaturiscono patologie diverse, in funzione del polimorfismo genetico dei soggetti e dell'ambiente in cui essi vivono. Aumentando le nostre conoscenze sulle interazioni tra cibo, abitudini alimentari, genomica e ambiente è possibile effettuare una prevenzione e/o terapia migliore. È iniziata l'era dell'epigenetica mentre il dogma del determinismo genetico si avvia al tramonto.

Sindrome della permeabilità intestinale, celiachia, sensibilità al glutine, spettro autistico, micotossine e tolleranza immunologica - 4.5 out of 5 based on 2 votes

Adolescente inventa purificatore d’acqua ad energia solare

11 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Depuratore1Un aiuto alle popolazioni che non hanno accesso ad acqua potabile può venire dall'invenzione di una studentessa americana di soli 14 anni. Basato su processi fotocatalitici e costruito con semplici componenti, il dispositivo di disinfezione di Deepika Kurup è efficiente, economico, leggero e facile da usare.

Nasce dall'idea di una quattordicenne americana un nuovo economico sistema di disinfezione delle acque contaminate, che potrebbe risultare molto utile alle popolazioni che vivono in luoghi in cui l'accesso ad acqua pulita è estremamente difficile.

 

GREGORY PAGE – L’uomo che controlla il cibo del pianeta

31 Gennaio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

Cargill1"Sicuramente il suo nome e quello della sua impresa non vi dicono niente. Eppure nelle sue mani passano la gran parte degli alimenti che riuscite a immaginare. Cargill è una delle quattro compagnie che controllano il 70% del commercio mondiale del cibo. Mentre il mondo affronta la più grande crisi alimentaria da decenni, loro fanno cassa "leggendo i mercati"..... Funziona così.Voi non lo sapete, ma il pane della vostra colazione è una merce con più valore del petrolio. La farina con cui è fatto si chiama Cargill. Vi dice qualcosa? E si chiama Cargill anche il grasso del burro che spalmate sul pane e il glucosio della marmellata.Cargill è il mangime che ha ingrassato la vacca da latte e la gallina che ha fatto le uova che friggiamo in padella. Cargill è il chicco di caffè e il seme di cacao; la fibra dei biscotti e l'olio di soia. Il dolcificante delle bibite, la carne dell'hamburger, la farina della pasta? Cargil. E il mais dei nachos, il girasole dell'olio, il fosfato dei fertilizzanti...? E l'amido che le industrie del petrolio raffinano per convertirlo in etanolo e mescolarlo alla benzina? Indovinate.

Quest'anno i prezzi degli alimenti di base sono aumentati in modo vertiginoso: il grano l'80%, il mais 63, e il riso, quasi il 10; i tre cereali che danno d mangiare all'umanità. Sono massimi storici, avverte la FAO, maggiori dei prezzi che nel 2008 causarono rivolte in 40 paesi e condannarono alla fame 130 milioni di persone.



GREGORY PAGE – L’uomo che controlla il cibo del pianeta - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Il viaggio di un pomodoro spagnolo dalla serra al supermercato

31 Ottobre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Siete avvisati: dopo questo racconto cambierete molte idee in merito alle produzioni agricole. Emile Loreaux fotografa parigina ha avuto l'incredibile idea di seguire il percorso che fa un pomodoro nato in una serra spagnola e venduto poi in un supermercato, il lavoro lo ha intitolato je suis une tomate. Parliamo dei pomodori consumati in inverno li avete certamente visti anche voi e sono prodotti fuori stagione. Considerate che il 40% delle famiglie francesi consuma pomodoro fresco in inverno.

pomodori invernali

Dunque Emilie Loreaux non senza difficoltà e minacce è entrata nelle serre di pomodori dell'Almeria constatando di persona la povertà e le condizioni drammatiche di lavoro a cui sono sottoposti gli operai spesso immgrati dal nord Africa e verificando l'incredibile viaggio dei pomodori che giungono sui mercati francesi, tedeschi, inglesi, finlandesi, russi e ungheresi. E spiega:

"Noi possiamo davvero decidere al momento dell'acquisto cosa prendere e cosa no. Noi scegliamo cosa consumare."

 

Il viaggio di un pomodoro spagnolo dalla serra al supermercato - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La festa dei frutti dimenticati

16 Ottobre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

festa-frutti-dimenticatiPoi un giorno un gruppo di amministratori locali si mette in testa di dare vita a una cosa che magari non sarà di moda e non susciterà, nell'immediato, quel gran seguito e consenso che sindaci di carriera cercano, ogni volta che provano a metter su un'iniziativa, così da farsi rieleggere facile, il turno successivo.

Questa è la storia della festa dei frutti dimenticati, che fin dal nome lo capisci che è una cosa strana, controcorrente. Il progetto nasce ben ventidue anni fa, quando di filiera corta, prodotti locali, sostenibilità, ambiente, parlavano (e praticavano) davvero in pochi. Quando l'ecologia, il risparmio, nuovi stili di vita e strade altre di consumi e modelli di sviluppo calpestavano in pochi, poche erano le tracce lungo certi sentieri...

Cibo per l'anima

11 Ottobre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

 

CIR Aivanhov"Avete mangiato della frutta, ed ecco che quel cibo, una volta digerito e assimilato, contribuisce al buon funzionamento di tutto il vostro organismo. Che Intelligenza è mai questa, capace di dare ad ogni organo del nostro corpo ciò di cui necessita, affinché noi possiamo continuare a vivere? Come non essere in ammirazione davanti ad essa?

.... Grazie a quel cibo potrete continuare a vedere, a udire, a respirare, ad assaporare, a toccare, a parlare, a cantare, a camminare... E se ne avvantaggeranno anche i vostri capelli, le vostre unghie, i vostri denti, la vostra pelle, ecc.. Sì, come non essere colti da ammirazione di fronte a questa Intelligenza? D'ora in poi, dovete pensare maggiormente ad essa. Cercate di scoprirla e di manifestarle la vostra riconoscenza!

Ciò che è essenziale nel cibo, non è la materia degli alimenti. Ciò che è essenziale, sono le energie contenute negli alimenti, è la quintessenza che vi è imprigionata, poiché è lì che si trova la vita. La materia dell'alimento non è che un supporto. Attraverso quella materia, è dunque la quintessenza che noi dobbiamo cercare di raggiungere, in modo da nutrire anche i nostri corpi sottili. Essere convinti che mangiamo per nutrire esclusivamente il nostro corpo fisico, è un errore: noi mangiamo per nutrire anche il nostro cuore, il nostro intelletto, la nostra anima e il nostro spirito. "

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Cibo per l'anima - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Uomini e topi

09 Ottobre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

 

CIR TOPIOGMLa notizia dell'effetto del mais Ogm sui topi, evidenziato dalla ricerca condotta dallo scienziato francese Seralini ha fatto il giro del mondo, ma in Italia i giornali gli hanno dedicato pochissimo spazio.

Il fatto: Il gruppo di ricerca del prof. Seralini dell'Università di Caen (Francia) per 6 anni, in gran segreto, ha nutrito dei topi con mais transgenico (Ogm Nk 603 resistente all'erbicida Roundup della Monsanto) e altri con mais normale. Risultato: Già dopo un anno i topi alimentati con mais Ogm hanno cominciato a morire. Le femmine hanno sviluppato tumore alle ghiandole mammarie, mentre nei maschi si riscontravano danni al fegato e ai reni con un'incidenza rispetto ai topi di riferimento (quelli nutriti con mais normale) 4 volte superiore nelle femmine e 5 volte superiore nei maschi. Risultati chiari ed indiscutibili.

La spesa di stagione del mese di ottobre

02 Ottobre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

La spesa dei ottobreOttobre è il mese delle castagne e della zucca. Per chi ha la possibilità di andare in collina, sarà l'occasione giusta per raccogliere qualche castagna e fare delle belle passeggiate all'aria aperta: il tempo è ancora mite e se non piove, è piacevole stare all'aria aperta prima del freddo dell'inverno.

"Il mais Ogm è veleno". Studio shock in Francia, allarme del governo e della UE

21 Settembre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

 

ogm grenade3Per la prima volta una ricerca scientifica indipendente ha analizzato gli effetti nel lungo periodo degli organismi geneticamente modificati. Sotto accusa la variante Nk603 prodotta dalla Monsanto, che in Europa può essere solo importata ed è destinata prevalentemente all'alimentazione del bestiame. La commissione europea chiede all'Efsa analizzare i dati. Mentre Parigi medita di richiedere il blocco delle importazioni.

Coloranti alimentari

12 Settembre 2012 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

coloranti alimentari1Bellissima lista dei coloranti alimentari! Per sapere cosa c'è nei cibi che compriamo, e quali sono gli effetti di queste sostanze sull'organismo.

Include link esplicativi per ognuna delle sostanze.

ETICHETTE – COME LEGGERLE ?

11 Settembre 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

etichette-come-leggerle 9338 gAROMATIZZANTI,COLORANTI E STABILIZZANTI IMPARIAMO A CONOSCERE COSA METTIAMO NEL NOSTRO PIATTO

L'etichetta di un alimento costituisce l'unica possibilità per il consumatore di conoscere cosa sta acquistando. Per questo motivo esiste una normativa che impone che siano riportate le informazioni essenziali per esprimere un giudizio sull'alimento posto in vendita. Pensateci: se non esistessero le etichette non potremmo scegliere. Il punto chiave delle informazioni riportate sulle etichette degli alimenti è costituito dall'elenco degli ingredienti. Grazie a questo elenco possiamo capire di cosa è composto l'alimento che introdurremo nel nostro organismo e che è destinato a diventare parte di noi. Non si sottolinea mai abbastanza il fatto che le sostanze nutritive contenute negli alimenti sono destinate a comporre il nostro organismo, rimpiazzando le inevitabili perdite e le usure a cui va incontro il nostro corpo durante lo svolgimento delle nostre attività quotidiane. Dunque è opportuno fare attenzione, in quanto materiali scadenti non potranno dare origine a un corpo sano.

5 Ingredienti raffinati di uso comune che ci stanno avvelenando

21 Agosto 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

5 ingredienti3Chi tra i nostri lettori ha deciso di intraprendere un vero e proprio cammino verso una maggiore consapevolezza alimentare conosce bene quante e quali insidie possano nascondersi dietro gli alimenti confezionati e di produzione industriale, spesso eccessivamente ricchi di sale, zucchero e grassi, tanto da spingere alcuni governi verso la proposta di tassare quei cibi ritenuti maggiormente dannosi per la salute.

5 Ingredienti raffinati di uso comune che ci stanno avvelenando - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La Sconvolgente Verità sulla Raffinazione della Farina Bianca

25 Luglio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

farina-biancaPer farina bianca raffinata intendo la farina che abitualmente è presente sulle nostre tavole sottoforma di pane, pasta e dolci. Questo tipo di prodotto industriale che non ha quasi più niente di naturale è stato privato di 2 parti fondamentali del seme del grano: La crusca all’esterno ed il germe all’interno (l’embrione). Una dieta basata principalmente su questo prodotto è la causa principale di malnutrizione, costipazione, stanchezza e numerose malattie croniche.

La Sconvolgente Verità sulla Raffinazione della Farina Bianca - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Indirizzi per acquistare Parmigiano direttamente dai caseifici danneggiati dal sisma

05 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Parmigiano terremoto1Possiamo aiutare le zone colpite dal sisma anche solo con le nostre scelte d'acquisto. Ecco una lista di aziende colpite, che si sono attivate per la vendita diretta del parmigiano prodotto.

Pagina 5 di 5